Bonus barriere architettoniche, le novità

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito i requisiti per ottenere il contributo anche senza una persona con disabilità in famiglia e quali lavori rientrano nel bonus.
L’agevolazione fiscale al 75% del cosiddetto bonus barriere architettoniche riguarda anche i lavori su bagni, pavimenti e finestre, senza che a chiederlo sia necessariamente un nucleo familiare che comprenda una persona con disabilità. A chiarirlo è l’Agenzia delle Entrate con una circolare nella quale definisce i requisiti utili ad accedere tramite la dichiarazione dei redditi 2023 alla misura stabilita con la Legge di Bilancio.
L’elenco dei tipi di immobili
Nella circolare inviate al Caf con le istruzioni sul bonus barriere architettoniche, il Fisco ha precisato alcuni punti sull’agevolazione pensata per eliminare gli ostacoli architettonici all’interno delle abitazioni, introducendo alcune novità.
Innanzitutto è stato esteso l’elenco degli immobili destinatari del contributo, nel quale rientrano adesso anche gli appartamenti dei condomini. Sul punto si specifica che i lavori devono essere realizzati, sia sulle parti comuni che sulle singole unità, in edifici già esistenti.
Nel caso in cui gli interventi siano effettuati all’interno di un condominio, è necessaria l’approvazione dei lavori tramite una delibera condominiale. La votazione sarà considerata favorevole se si raggiunge il consenso della maggioranza dei partecipanti all’assemblea, che rappresenta almeno 1/3 del valore millesimale dell’edificio.
I lavori ammessi
La detrazione è applicabile alle spese di ristrutturazione come la realizzazione di ascensori, montacarichi e di dispostivi di comunicazione, domotica o altre tecnologie , che facilitino la mobilità interna ed esterna dell’abitazione per le persone con disabilità gravi.
Tra i lavori compresi nel bonus, l’Agenzia delle Entrate ha incluso anche la sostituzione di finiture come pavimenti, porte, terminali degli impianti e infissi esterni, cioè le finestre.
Per poter cambiare gli infissi è però necessario fare attenzione agli specifici criteri fissati dal ministero delle Infrastruttura, proprio per agevolare i movimenti di coloro che hanno difficoltà motorie, come ad esempio meccanismi di apertura e chiusura che possano permettere solo con una lieve pressione l’apertura e la chiusura delle imposte.
Le nuove maniglie dovranno, inoltre, essere posizionate ad un’altezza standard tra i 100 e i 130 centimetri, mentre gli spigoli della finestra dovranno rispettare determinati requisiti per evitare infortuni.
Tra i lavori validi per ottenere il bonus sono previsti anche quelli per il rifacimento del bagno, cucine e anche per gli impianti elettrici.
Anche in questo caso la detrazione verrebbe riconosciuta solo in presenza di tutti i requisiti tecnici fissati per legge e diretti alla rimozione delle barriere architettoniche (qui avevamo introdotto i requisiti e i lavori accettati per ottenere il bonus barriere architettoniche).
Di seguito in sintesi alcuni esempi di interventi che possono rientrare nel bonus barriere architettoniche:
_ Installazione di rampe inclinate per consentire l’accesso agevole a persone in carrozzina o con difficoltà motorie.
_ Installazione di ascensori per superare le barriere verticali all’interno degli edifici.
_ Utilizzo di piattaforme elevatrici per consentire l’accesso a piani diversi senza dover affrontare le scale.
_ Interventi che rendono gli impianti completamente accessibili, ad esempio l‘installazione di ausili tecnologici per agevolare la mobilità interna o esterna degli edifici.
_ Infissi esterni
_ Adeguamento dei servizi igienici per renderli accessibili a tutte le persone, con spazi e attrezzature che consentono una manovrabilità e un utilizzo adeguato.
_ Lavori di sistemazione degli impianti elettrici e dei citofoni, garantendo che siano posizionati a un’altezza adeguata e ben visibili, facilitando l’utilizzo da parte di persone con disabilità.
I limiti di spesa per accedere al bonus
Per ottenere l’agevolazione fiscale al 75% bisogna però tenere in considerazione i limiti stabiliti in base al numero di unità immobiliari coinvolte nei lavori (qui avevamo parlato delle scadenze per il 2023 dei bonus per la casa come quello per le barriere architettoniche):
_ Limite di 50.000 euro per edifici unifamiliari o edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti.
_ Limite di 40.000 euro per il numero di unità immobiliari negli edifici che vanno da 2 a 8.
_ Limite di 30.000 euro per il numero di unità negli edifici composti da più di 8 immobili.
Fonte: QuiFinanza