Via i cartelli che avvisano della presenza degli autovelox?

Gli autovelox, si sa, sono lo strumento preferito dei Comuni per battere cassa.
Fortuna che almeno ci sono le segnalazioni preventive. O dovremo dire c’erano? Sì, perché il governo ha intenzione di varare un decreto ad hoc per renderli illegali. Non i tutor, ma gli avvisi della loro presenza, che spariranno da strade, navigatori, App e siti internet.
“E’ per una questione di sicurezza: quando gli automobilisti si trovano davanti cartelli del genere inchiodano improvvisamente, diventando un pericolo per se stessi e per gli altri”.
Questa la spiegazione offerta dal governo per motivare il decreto di prossima approvazione: spiegazione che non convince per nulla. Infatti i tutor più moderni sono in grado di misurare la velocità media in un determinato tratto e non soltanto la velocità raggiunta nel momento esatto in cui si passa davanti al dispositivo. E la gente lo sa.
Non bastavano le maglie larghe della legge che consentivano ai Comuni di piazzarli ovunque. Ora ci pensa il governo a dare man forte agli enti locali: se da un lato li priva dei trasferimenti necessari per finanziare le proprie attività, dall’altro consente loro di “fregare” i cittadini approfittando di una nuova legge che rischia di rovinare la vita delle persone.
“Togliere le segnalazioni preventive non servirà ad aumentare la sicurezza, ma a mettere le mani nelle tasche degli Italiani”, sostengono in molti.
Tra i sostenitori della proposta del governo, come scrive Repubblica, anche il procuratore generale di Roma Giovanni Salvi. Secondo il giudice l’abolizione dei segnali di presenza dei tutor “rimetterà legalità sulle nostre strade: deve passare il concetto che gli automobilisti devono sempre viaggiare entro i limiti di velocità, non solo quando ci sono i controlli”.
Chi avrà ragione?