Torino, nuova tecnica contro l’artrosi del ginocchio

Un progetto dell’Ospedale Humanitas Gradenigo di Torino “conquista” l’Università di Washington e si aggiudica una borsa di studio internazionale di due anni. La struttura di Recupero e Rieducazione funzionale, diretta dal dottor Carlo Mariconda, ha ideato e messo in pratica un metodo _ basato sull’utilizzo della Radiofrequenza raffreddata _ per controllare il dolore e prevenire l’ulteriore degrado funzionale del ginocchio con grave artrosi nei pazienti che non possono essere sottoposti all’intervento chirurgico di protesi.
“Con l’utilizzo della Radiofrequenza raffreddata e di un programma di terapia riabilitativa confezionato sulle singole esigenze del paziente, possiamo ottenere risultati che, nella fase preliminare del progetto, si sono dimostrati efficaci in oltre il 70 per cento dei casi”, spiega Mariconda. La Radiofrequenza raffreddata agisce su particolari strutture nervose del ginocchio con artrosi: “E’ un trattamento che si esegue in un’unica seduta di circa 45 minuti, sul ginocchio del paziente viene applicata una sonda ad ago che raggiunge alcune fibre nervose e interrompe il passaggio degli stimoli dolorosi”. Dopo qualche settimana si può procedere con il trattamento riabilitativo, studiato a seconda delle caratteristiche del paziente: “L’età molto avanzata, una situazione di grave obesità o la presenza di gravi comorbidità possono rappresentare i motivi che inducono a escludere l’intervento di protesizzazione _ aggiunger Mariconda _. In questo modo si controlla il dolore e si previene l’ulteriore degrado funzionale del ginocchio”.
Presentato con successo ad alcuni congressi internazionali, il progetto ha incontrato il sostegno del professor Mehul Desai, docente del George Washington University Medical Center, che ne ha sostenuto l’efficacia e suggerito uno studio multicentrico internazionale.

2 commenti

  1. avete qualche centro nel veneto che collabora con Voi?
    cosa si intende per Riabilitazione dopo 15 giorni? quanto tempo richiede per giorno?
    facendone richiesta che tempi di attesa sono necessari?
    lascio recapito telefonico 340 533 5945

    • Gentile lettore, al momento non abbiamo notizie di centri che adottano la tecnica in questione nel Veneto. Però può sempre informarsi presso l’Ospedale Humanitas Gradenigo,

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*