Sistema immunitario, scoperte nuove cellule contro il cancro

Passi avanti nella lotta contro i tumori. Sono stati infatti scoperti nuovi “soldati” del sistema immunitario, che svolgono un ruolo importante nelle nostre difese contro il cancro, in particolare in alcuni tipi di sarcomi e di tumori del colon-retto. Lo studio, i cui risultati sono pubblicati su “Cell”, è diretto e coordinato da Humanitas: primo autore è Andrea Ponzetta, mentre i coordinatori sono Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas, e Sebastien Jaillon.
La ricerca, sostenuta anche dal Programma 5×1000 Airc coordinato da Mantovani, ha dimostrato che un tipo di globuli bianchi detti neutrofili all’interno di alcuni tumori hanno un ruolo importante nella resistenza contro il cancro. In particolare queste cellule danno precise istruzioni a un tipo di cellule T dette “non convenzionali”, attraverso un dialogo molto complesso fatto di “parole” del sistema immunitario, le citochine. “Le cellule T sono i direttori dell’orchestra immunologica _ spiega Sebastien Jaillon, ricercatore in Biologia dei neutrofili, immunità e immunopatologia di Humanitas e titolare di un progetto Airc denominato My First Airc Grant, dedicato a ricercatori sotto i 40 anni che non hanno mai avuto un finanziamento Airc . Solitamente le cellule T maggiormente associate alla resistenza contro i tumori sono le cosiddette Cd4 e Cd8. Invece le cellule T con cui dialogano i neutrofili sono le cosiddette “doppie negative” (perché non hanno né Cd4 né Cd8). Ne abbiamo identificati ben 12 raggruppamenti all’interno dei tumori, a dimostrazione della straordinaria complessità del nostro sistema immunitario”. Con questo studio “abbiamo scoperto aggiunge _ che le firme molecolari che identificano i neutrofili che dialogano con le cellule doppie negative, presenti in un particolare sarcoma e in alcuni tipi di cancro, in particolare colon retto, sono associate a una prognosi migliore”. La scoperta del ruolo dei neutrofili in alcuni tumori apre la strada all’uso sempre più efficace di armi immunologiche contro diversi tipi di tumore, a vantaggio di un sempre maggiore numero di malati di cancro.
Lo studio, durato più di 5 anni, ha coinvolto competenze diverse _ immunologi, bioinformatici, clinici _ e istituzioni di più Paesi, fra cui Istituto nazionale tumori di Milano e Columbia University di New York. “Oltre che per i risultati raggiunti conclude Mantovani la ricerca è importante anche per il metodo utilizzato. Abbiamo infatti lavorato con approcci di bioinformatica su database pubblici, di pazienti, verificando poi i dati anche su pazienti del nostro ospedale. Inoltre, uno studio di questo tipo dimostra l’importanza di attrarre nel nostro Paese cervelli internazionali come Sebastien Jaillon, e di collaborare con istituzioni di tutto il mondo, per unire competenze ed eccellenze”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*