Ragazza down candidata alle elezioni a sua insaputa

E’ successo a una ragazza di Napoli con la sindrome di Down, iscritta in una lista civica alle elezioni comunali della città partenopea del 2016, a sua insaputa. Federica, 23 anni, si è vista richiedere il rendiconto di spese e dei contributi elettorali. Candidata nelle lista civica Napoli Vale, legata alla lista Valeria Valente sindaco (ora deputata Pd), la giovane è riuscita anche a prendere due voti. E’ immaginabile lo sconcerto sui volti dei genitori della ragazza, che immediatamente si sono recati a Palazzo San Giacomo per chiarire l’equivoco: “Federica _ ha detto la madre della ragazza _ nella sua vita non era mai andata neanche a votare. L’impiegato dell’ufficio competente per le pratiche elettorali non si è per nulla meravigliato, perché il problema lo si conosce da tempo. Infatti altri sette-otto disabili, tutti candidati a loro insaputa, si sono presentati prima di noi per avere spiegazioni”. ll padre di Federica ha già fatto sapere che presenterà una denuncia, mentre si è già innescata la polemica politica. Il consigliere dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli ha detto: “Bisogna verificare in modo chiaro  come siano andate le cose. L’aver inserito in una lista elettorale un certo numero di persone a loro insaputa, è una questione di una gravità inaccettabile. Il responsabile dovrà risponderne in tutte le sedi e anche davanti alla propria coscienza”.
Dal canto suo la deputata Valeria Valente si è detta “parte lesa” in quanto la sua immagine ne è uscita danneggiata, e ha fatto sapere che inoltrerà un esposto alla Procura della Repubblica.