Nuovi codici al pronto soccorso

Codici di triage numerici, che articolano meglio quelli attualmente definiti con i colori e permettono di smistare in maniera più precisa i pazienti; tempi da rispettare meglio definiti e un “pacchetto” di indicazioni dedicate alla gestione delle situazioni di sovraffollamento. Sono alcune delle novità operative in arrivo per i pronto soccorso italiani, contenute in un documento giunto al termine del suo percorso tecnico e pronto per essere inviato alle Regioni che dovranno mettere in pratica le nuove linee guida, facendole adottare nei propri sistemi sanitari.
A tracciare i temi principali affrontati è Danilo Bono, del coordinamento tecnico della Commissione Salute delle Regioni, che ha seguito la genesi del piano, “frutto di un lavoro portato avanti in questi 7-8 mesi a cui hanno partecipato da tutte le Regioni”. L’obiettivo, spiega, è “introdurre una serie di cambiamenti organizzativi. A livello operativo si introduce un doppio codice per la media gravità. Se oggi abbiamo i codici bianco, verde, giallo e rosso, con le nuove indicazioni si introducono i codici identificati da numeri che vanno da 1 a 5. In questo modo il giallo viene ‘spacchettato’ in due gradi di urgenza: quello che si riferisce al paziente che ha una stabilità e non rischia uno scompenso e quello che si riferisce al paziente più a rischio, il quale andrà monitorato in modo diverso”.
“Ciò permette agli operatori di ‘stratificare’ meglio le persone in attesa nei pronto soccorso _ chiarisce l’esperto _. Non cambia niente per l’utenza e non ci sarà confusione per il cittadino, perché è una questione operativa e inoltre il sistema di emergenza territoriale manterrà ancora il codice colore, poi si adeguerà”. Quanto ai tempi di gestione in pronto soccorso, che già erano presenti in precedenza, “ora sono meglio definiti. C’è poi un allegato che è dedicato alle situazioni di ‘iperafflusso’. Un pronto soccorso può avere problemi di tre tipi: arriva troppa gente, ha difficoltà a smistare i pazienti al suo interno, oppure ha difficoltà a farli uscire, mandarli nei reparti e ricoverarli. Il documento precisa meglio la catena di operazioni da mettere in atto per gestire queste situazioni e prevede delle specifiche attivazioni di risorse interne”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*