Dietrofront, “la carne rossa non fa più male”

Buone notizie per gli amanti della carne rossa: potrebbe non essere necessario ridurre il consumo dei loro piatti preferiti. Dopo che l’Organizzazione Mondiale per la Sanità ha raccomandato per anni di limitare il consumo di carne rossa e lavorata, un panel internazionale di esperti si è espresso diversamente. Non c’è veramente bisogno di modificare le nostre abitudini, poiché gli effetti benefici sulla salute sarebbero nulli o comunque meno significativi di quanto annunciato in precedenza. Lo studio, pubblicato sugli Annals of International Medicine, comprende una serie di review sistematiche sull’argomento e suggerisce nuove raccomandazioni decisamente controcorrente e meno rigorose rispetto a quelle attuali. Una conclusione controversa, che ha già suscitato più di una polemica all’interno della comunità scientifica.
Effetto trascurabile sulla salute
I ricercatori della Dalhousie University e McMaster University in Canada hanno esaminato in totale centinaia di studi con milioni di partecipanti: la revisione scientifica più completa realizzata finora. Per la maggior parte sono studi osservazionali e di coorte, ma non mancano esperimenti controllati e randomizzati, che hanno confrontato diete con un diverso apporto di carne rossa per un periodo di almeno 6 mesi. Dodici gli studi di questo tipo, tra cui ne spicca uno, il Women’s Health Initiative, con ben 49.000 partecipanti. Dopo aver analizzato questa enorme mole di dati, i ricercatori sono giunti alla conclusione che una riduzione del consumo di carne rossa di tre porzioni la settimana ha un effetto trascurabile, se non addirittura nullo, sull’incidenza di malattie cardiometaboliche e cancro. E sulla base dei risultati, un panel internazionale di 14 membri da 7 paesi diversi ha votato le nuove linee guida: chi mangia carne rossa può continuare a farlo, nelle modalità che preferisce. A patto che non sia sensibile ad argomenti di tipo etico o ambientale, che lo studio non prende in considerazione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*